Percorsi Umani

Vi piace questa foto? Lo so, qualcuno penserà che non è una foto, “l’hai fatta con Fotosciòp” (questa non è mia)!

Invece no, l’ho fatta con la fotocamera, basta dare una occhiata agli exif.

Quando l’ho scaricata me ne sono innamorato subito e tra di me e lei è stato colpo di fulmine!

Non ho croppato ritagliato no no, il taglio no no!

“Percorsi Umani” è un titolo denso di significato e che in questo momento rappresenta molti miei pensieri.

Partendo dalla parte bassa possiamo notare la nascita della vita, lo sbocciare di un fiore, la partenza di una barca dal porto.

Tutto può continuare anni, secoli o può interrompersi subito, bruscamente, la dipartita.

Le scie danno il senso della velocità della nostra vita, un fulmine se paragonate alla storia della vita.

Ci sono scie che segnano inequivocabilmente il loro tracciato, ci sono scie che passano in sottofondo.

Io ora ho il cuore segnato, forte, in maniera indelebile.

La morte mi segna ma la vita ancor di più.

La vita, la vita, essere vivo e provare emozioni, sentimenti, nonostante tutto mi piace!

Essere capace di urlare, essere capace di comprendere…me stesso e a volte gli altri.

Sentire il cuore che batte, forte, questo è il miele della vita.

A volte il percorso viene corretto in una sorta di rotta ortodromica, altre volte fila via liscio per la tangente.

La parte alta è l’orizzonte, il cielo, lassù, inavvicinabile ed intoccabile…inviolabile!

Amici, ci vediamo domattina alle 8:00 alla gola dell’Infernaccio, per fotografare, per respirare, per vivere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *